Tavolo tecnico Trasporti Regione Puglia e Comitato Pendolari

Legale Genchi ha partecipato al  tavolo tecnico trasporti Regione Puglia e Trenitalia s.p.a., rappresentando il comitato dei pendolari Lecce-Bari-Barletta, esercitando un’azione di lobbying volta alla tutela degli interessi diffusi di quest’ultimi.

A tal fine si è richiesta la modifica del quadro orario del trasporto regionale pugliese, il quale in virtù delle modifiche avvenute in data 11.06.2017 ha arrecato profondi disagi e disservizi a 120 pendolari lavoratori, che hanno preferito il più comodo utilizzo delle proprie autovetture.

In data 10.07.2017, presso la sede della Regione, si è tenuto il tavolo tecnico trasporti Regione Puglia, a cui hanno preso parte il Dirigente Regione Puglia per il trasporto pubblico locale, Ing. Enrico Campanile, il Responsabile Commerciale Puglia e Basilicata di Trenitalias.p.a., Dott.ssa Valeria Salvia e il Responsabile del servizio Manutenzione e Pulizia di Tranitalia s.p.a, Ing. Fabio Carli e Legale Genchi.

Inoltre, al predetto tavolo tecnico trasporti Regione Puglia, unitamente allo studio legale Genchi (rappresentato da Avv. Alessandro Genchi, Avv. Benedetta Tagarelli e i collaboratori Vanessa Marino e Fabio Casaburi) hanno partecipato il Sig. Cosimo Loprete (presidente del comitato Pendolari Lecce –Bari-Barletta) e la Sig.ra Angela Marcantonio, al fine di fornire le proprie dirette testimonianze in qualità di pendolari.

Oggetto del predetto tavolo di incontro trasporti Regione Puglia è stata la segnalazione dei gravi disservizi cagionati ai pendolari, a causa della modifica del quadro orario, in particolar modo in concomitanza del periodo estivo. A seguito di tale modifica, infatti, è stato definitivamente soppresso il treno regionale Lecce-Barletta n.12564 ed è stato aggiunto il treno regionale Fasano-Barletta n. 22274 e il Lecce-Bari n. 12538.

La principale problematica affrontata nel corso dell’incontro si è incentrata sulla situazione del treno regionale n.22274, il quale, partendo da Fasano ben 20’ prima rispetto all’orario precedente, era costretto a sostare- per lo stesso lasso di tempo – presso la stazione di Bari Centrale, per ripartire successivamente in direzione Barletta.

Inoltre, ad aggravare la situazione, nel periodo dal 24 luglio al 26 agosto 2017, il suddetto treno sarebbe stato soppresso, impedendo a centinaia di lavoratori di raggiungere adeguatamente il posto di lavoro tramite il servizio pubblico.

Il Dirigente Campanile ha motivato le siffatte modifiche, in virtù dell’introduzione del nuovo piano strategico del trasporto regionale pugliese, il quale incentiva l’utilizzo di mezzi pubblici e prevede la presenza di stazioni di interscambio, al fine di ridurre i tempi di percorrenza delle tratte dei treni. Per di più è stato evidenziato quanto risulti penalizzante per la Regione e per Trenitalia far circolare treni vuoti, esponendosi a sanzioni pecuniarie. Pertanto, si è ritenuto opportuno sopprimere alcune tratte nel periodo giugno-settembre.

Tuttavia, lo studio legale Genchi ha evidenziato, durante il tavolo tecnico trasporti Regione, come allo stato circa 120 utilizzatori effettivi del servizio richiedevano la conservazione del regionale n. 22274, ovvero un ulteriore soluzione tecnica che gli consentisse di arrivare agevolmente sul posto di lavoro entro le ore 08.00. Il tutto senza alcun rischio di esporre Trenitalia s.p.a. e la Regione Puglia a eventuali pene pecuniarie, atteso il congruo numero di viaggiatori richiedenti.

Si consideri, infatti, come risulti impensabile effettuare una soppressione nella fascia oraria di maggiore affluenza e lavorativa, compresa tra le 04.00 e le 08.00.

A conclusione dell’incontro, la Dott.ssa Salvia e il Dott. Campanile, mostrando tutta la loro più ampia disponibilità, si sono riservati di analizzare tutte le possibili soluzioni al fine di contemperare le esigenze dei pendolari.

In data 14.07.2017 la Regione Puglia ringraziando la società gestore della rete RFI e la società gestore del servizio Trenitalia s.p.a. per la disponibilità mostrata, ha comunicato di aver soddisfatto le richieste avanzate da Legale Genchi, modificando il prospetto orario in modo da permettere ai viaggiatori di raggiungere Barletta entro le ore 08.00.

In particolare, è stato conservato anche per il periodo estivo il regionale n. 22274, è stata modificata la periodicità dei treni n. 22323 Bari-Fasano, n. 22274 Fasano-Barletta, n. 22269 Barletta-Mola e n. 22300 Mola-Bari.

Translate »